Giochi intelligenti

Le bolle di sapone e l’autocontrollo

 

Chiara adora le magiche bolle di sapone anche se di sapone non sono, le bolle con cui giochiamo noi sono di zucchero, non sporcano e non sono pericolose!

Le bolle di sapone sono un barattolino di sorrisi garantito ma non solo… sapete che in alcune scuole, soprattutto inglesi, vengono utilizzate per insegnare ai bambini l’autocontrollo?

Vi spiego come: l’insegnante spiega ai bambini che impareranno a raggiungere la concentrazione necessaria per iniziare e gestire al meglio la giornata di studio con un esercizio, ossia:

rimanere seduti al proprio posto e controllare la voglia di scoppiare le bolle che l’insegnante soffierà vicino a loro… anche se le bolle si poseranno sul viso e sulle mani dei bambini, i piccoli devono resistere, non devono scoppiare le bolle! 

L’insegnante ha poi il compito di farsi raccontare dai bambini le sensazioni che hanno provato a resistere alla tentazione di scoppiare le bolle,  spiegare perchè ha fatto fare questo esercizio, fare esempi di situazioni nella vita in cui è necessario controllarsi… spiegare ai bambini come e quanto è importante l’autocontrollo emotivo.

Secondo me insegnare l’autocontrollo ai bambini è molto utile alla loro crescita, ad una serena vita sociale, i bambini imparano a riflettere prima di agire, concentrarsi in classe, studiare senza distrarsi, non reagire in maniera istintiva con gli altri bambini e con gli adulti (“con le mani” ad esempio)… a conquistare la calma interiore!

I bambini che imparano ad  autocontrollarsi  sanno ASCOLTARE…ma come ben sappiamo per saper ascoltare devono essere ascoltati e sentirsi ascoltati!

Imparare a controllarsi consente di rallentare il ritmo, favorire momenti di pausa e riflessione, elementi fondamentali per imparare a gestire al meglio le emozioni perchè

si impara da piccoli a diventare grandi!

 

Tags:

One comment

  1. […] un capriccio tentiamo di spostare la sua attenzione; a volte la nostra salvezza sono state le bolle di sapone o qui in montagna (da dove sto scrivendo) una mucca o un cavallo di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *